IL CINECONSIGLIO! Trash e Nightcrawler

Nightcrawler poster

IL CINECONSIGLIO! Film visti doppiati in italiano: Trash e Nightcrawler (titolo idiota italiano -> Lo Sciacallo).

Come “The Millionaire” o “Quasi Amici”, “Trash” rientra nel filone dei film effetto placebo. Un altro “capolavoro” per snob ritardatoretorici volonTuristi ci viene propinato dal regista di Billy Elliot dopo essersi dimenticato lo stile e la dignità. Se vi piacciono i lavori rasserenanti e frettolosi, tipo dipingere la merda con una bomboletta spray oro, questo film fa per voi. Io, personalmente, ho provato la sensazione di aver gettato i miei soldi nella discarica (scena che potete vedere nel trailer), ma non con la medesima soddisfazione dei protagonisti. Volete un consiglio? Guardatevi il trailer, che è molto meglio del film intero, e immaginatevi un film vostro. A livello tecnico il film è di una pigrizia assurda. Dalla sceneggiatura alla fotografia, dalla regia fino alle musiche nessuno si salva. Cadute di stile totali come quella di Antonio Pinto (il musicista) che ricicla musiche da “Senna” o di Adriano Goldman (direttore della fotografia) che fotografa la scena al cimitero (SPOILER/*l’apparizione della bimba*\SPOILER) in modo a dir poco stucchevole e quasi dal sapore amatoriale. Non mi soffermo oltre, ma ci sarebbe di che dire sull’inutilità di questo film, sul come Rooney Mara sia presente e su un doppiaggio abominevole.

Nightcrawler è un capolavoro. Sono giorni che ci penso e ritengo che sia uno dei film più belli che abbia mai visto. Nightcrawler mette in scena con lucidità e chiarezza la società contemporanea. Senza compromessi condensa la verità di tutti i giorni e lo fa tramite il personaggio di Lou Bloom, interpretato da un magistrale Jake Gyllenhaal (quello vivo dei cowboy di Brokeback Mountain), che, semplicemente, rigurgita ciò che ogni ragazzo tra i 25 e i 30 anni, nel tentativo di lavorare, si sente ripetere in continuazione. Evidentemente stufo, Lou Bloom diventa una macchina di frasi fatte ed inizia a comportarsi abbracciando pienamente il sistema sociale in cui viviamo, che vi piaccia o no. Nightcrawler non è assolutamente un film sul giornalismo (e chiunque lo sostenga non capisce un cazzo), è un film sul degrado sociale. Regia, montaggio, musiche, fotografia e sceneggiatura sono a livelli altissimi. Analizzando Nightcrawler potrei scrivere pagine su pagine, ma qui, mi limito a consigliarvelo vivamente.

Share Button
happy wheels

Leave a Reply